Presentato ufficialmente alla stampa il festival Gemellarte, aperta fino al 10 febbraio la call per partecipare alle residenze artistiche in contemporanea a Terni e a Saint Ouen.

 

Creare un “ponte” fra le città italiane e straniere già gemellate, favorendo lo scambio culturale, la condivisione dell’arte e dei rispettivi patrimoni, con la ricerca e la promozione di nuovi talenti, nonché la riscoperta del senso di cittadinanza e dei propri territori, abbattendo tutte le frontiere.

È la “missione” di GemellArte, festival internazionale indipendente che lancia la sua prima edizione, presentata ufficialmente oggi, 24 gennaio, a Terni.

Alla conferenza stampa sono intervenuti Andrea Giuli, vice sindaco e assessore alla Cultura del Comune di Terni; Valeria Alessandrini, assessore alla Scuola e al Gemellaggio del Comune di Terni; Alessandra D’Egidio, direzione servizi culturali, alta formazione e ufficio Politiche giovanili del Comune di Terni; Tiziana Zumbo Vital, assessore al Patrimonio del Comune di Saint Ouen; Chiara Ronchini, direttore artistico del festival GemellArte; Linda Di Pietro, coordinatrice attività Caos – Centro arti opificio Siri.

Nel corso della presentazione è stata una letta una dichiarazione dell’Ambasciata di Francia, che ha fortemente creduto nel progetto fin dalla sua ideazione.

La prima tappa sarà divisa fra Terni, città di elezione dei suoi organizzatori, e la francese Saint Ouen, a pochi chilometri da Parigi, gemellata dal 1962, celebre per il suo mercato delle pulci, il più grande del mondo.

Il gemellaggio fra le due città si rinnova grazie ad una serie di mostre ed eventi in contemporanea e a una doppia residenza artistica, in programma in contemporanea al Caos – Centro arti opificio Siri di Terni e alla Galerie Mariton di Saint Ouen dall’8 al 16 maggio.

Per la residenza verranno scelti due artisti, uno italiano e uno francese, selezionati dalle Commissioni di valutazione incaricate nel Paese ospitante, attraverso una call aperta ai talenti dei rispettivi territori nelle categorie pittura, scultura, fotografia, street art, video, installazione e performance, fino al 10 febbraio.

Possono partecipare gli artisti emergenti nati/residenti a #Terni e a Saint Ouen, attivi nelle categorie pittura, scultura, fotografia, street art, video, installazione e performance, purché dotati di un solido background artistico. Non ci sono limiti di età.

Per concorrere alla selezione a bisogna inviare un pdf con alcuni dei propri lavori, la propria biografia e la presentazione dell’opera che si intende realizzare nel corso della residenza alla mail: candidature@gemellarte.it

Entro il 10 febbraio.

Le due città oggetto dello scambio ospiteranno gli artisti scelti, i quali saranno invitati a produrre le loro opere in situ (l’artista francese opererà a Terni e l’artista italiano a Saint-Ouen), interagendo con il territorio e i suoi abitanti, o prendendo spunto da essi. Le opere prodotte nel corso della residenza rimarranno nelle città che ospitano gli artisti.

Punto di arrivo del progetto sarà il weekend dal 17 al 19 maggio, in cui Terni e Saint Ouen verranno unite attraverso l’esposizione delle opere create in residenza e un variegato programma di eventi in contemporanea, fra letture, film, concerti, spettacoli, iniziative per le scuole e aperitivi con l’artista.

Il programma dettagliato verrà pubblicato sul sito: www.gemellarte.it